Lo so cosa state pensando, ecco la solita romana, che parte con l’apologia della mortadella. Se è così, abbandonate subito la lettura, perché sarò pure prevedibile, ma di questo si tratta. L’ottica è quella tecnologica, ma alla fine è motivata dall’amore per Lei. Lo stesso che ha animato Monicelli, per dirne uno.

 La cucina Italiana, da Gualtiero Marchesi in poi, non è più solo questione di mamme e trattorie, ma si è ritagliata il suo onorevole spazio anche nell’ambito dell’alta cucina. Le basi da cui partono gli chef pluristellati sono quelle della tradizione culinaria italica ripensata, analizzata, disgregata e poi nuovamente sintetizzata. Un esempio? Pensereste mai...