E-book. “E” se il libro non fosse di carta?

Ebook_Voices

Le parole a volte sono solo parole. A volte, come brezza marina, ci accarezzano il viso decise e ci lasciano il sapore del sale; a volte sono taglienti come il dolore, calde come l’affetto, l’amore o una complice risata. A volte parole dotte saziano la nostra sete di conoscenza.

Le parole a volte sono solo parole ma quando ci coinvolgono, ci emozionano, le parole diventano libri. E i libri sono libri.

Il libro è il contenuto e non il contenitore, seppure qualcuno potrebbe obiettare ricordando che il caffè può avere un gusto diverso se consumato in vetro o in tazzina. Le parole evocano ricordi, odori, sapori, sensazioni. Così l’odorato, l’udito e il tatto, oltre alla vista, che spesso ci nasconde l’utile presenza dei nostri altri sensi, ricordano la carta, il suo profumo, la sua consistenza. E ancora, il rumore delle pagine sfogliate ci accompagna e scandisce il suono delle parole lette.

Il contenitore diventa così parte integrante della nostra esperienza di lettura. È una presenza fisica, rassicurante.

Il libro, quello di carta, a volte difficile conquista in edizione introvabile, vive in casa con noi, sulla libreria, sul comodino, ci segue al lavoro o in vacanza. Il libro, quello di carta, lo possiamo scambiare o prestare agli amici o può essere, nello scambio, occasione di nuove conoscenze. E poi sulla carta si può sottolineare, prendere appunti, segnare una pagina piegandone l’angolo in assenza di un segnalibro. Il segnalibro! Un oggetto utile, non necessariamente ideato allo scopo o, in tal caso, a volte un piacevole souvenir di un viaggio o di una mostra da ricordare.

Cosa succede però quando il libro diventa elettronico?

Cambiano i supporti e con il loro uso cambiano le abitudini, la gestualità, l’esperienza. Sì, i supporti, perché se il libro come lo conoscevamo fino ad oggi, seppur in diverse fogge e formati, ha sempre vissuto su carta, l’e-book viaggia ovunque ci sia uno strumento in grado di leggere il suo linguaggio digitale.

Potete leggerlo sul computer, sul tablet o sullo smartphone ma avete mai provato a usare uno qualsiasi di questi device al buio per un’ora o di giorno sotto la luce del sole? Per avere un’esperienza di lettura fluida e quanto più simile a quella del libro tradizionale, sono stati ideati degli strumenti specifici: gli e-book reader. Grazie alla tecnologia e-ink (inchiostro elettronico) dei loro display, la lettura si fa confortevole, molto simile alla lettura su carta e senza alcun problema di visibilità in piena luce, all’aperto. La particolare tecnologia utilizzata e l’assenza di illuminazione (o per i modelli che ne sono dotati, il metodo di illuminazione, differente dalla retroilluminazione usata  nei display di computer, tablet e smartphone), consentono un’autonomia di alcune settimane se non di mesi, rendendo questo tipo di apparecchi i compagni ideali di ogni lettore.

Dai primi e-book reader, con tastiere e pulsanti per lo scorrimento delle pagine, si è passati ad apparecchi più compatti e leggeri, anche grazie ai display touch screen che consentono, seppur in declinazione “virtuale”, di sfogliare le pagine.

L’inchiostro elettronico, le nuove gestualità e le tante custodie disponibili per proteggerli e personalizzarli, fanno di questi strumenti tecnologici, apparentemente freddi, degli oggetti gradevoli e appaganti anche nell’aspetto, inaspettatamente vintage.
Un nuovo modo di vivere il libro, o meglio, i libri. Nello spazio di un romanzo in formato tascabile e con un peso decisamente ridotto, non si porta con sé un libro ma un’intera biblioteca, con più titoli di quanti ne potrebbe contenere la nostra libreria di casa.

Oggi il mercato offre diversi modelli, da quelli più semplici e spartani, come la versione più accessibile del Kindle di Amazon, a modelli con illuminazione led integrata o resistenti anche ad acqua e polvere e per questo perfetti per le letture in spiaggia, fino ad arrivare agli e-book reader con display e-ink a colori. Probabilmente, in un futuro non tanto lontano, appariranno sul mercato anche i modelli “flessibili” come un vero foglio di carta… o quasi.

L’acquisto di libri tramite librerie on-line è una pratica sempre più diffusa; ci fa risparmiare molto tempo e fatica nella ricerca del titolo o dell’autore desiderato, anche se a volte l’attesa della spedizione o gli orari di consegna ci creano qualche ansia o disagio. La consegna di un e-book è invece immediata: un click per pagare e il libro è già nelle “nostre mani”, pronto per essere letto. Nello stesso modo lo si può regalare ad un amico che si trova dall’altra parte del mondo, per la consegna basterà semplicemente inviare un link. È la potenza del web.

A proposito di web, provate a immaginare la vostra libreria di casa collegata alla Rete. Gli e-book reader, se dotati di connessione wifi, permettono di esplorare tra migliaia di titoli negli store di riferimento (come ad esempio Amazon per Kindle, IBS per Leggo, Feltrinelli e Mondadori per Kobo o Barnes & Noble per Nook) e di acquistare il libro desiderato in pochi secondi. Zero tempi di spedizione, nessuna attesa, un “tap” e può iniziare la lettura.

Ma andando oltre questi aspetti di indubbia utilità pratica, scopriamo come, grazie ai formati elettronici, il contenuto, prima immutabile, si espande, si fa flessibile, diffuso, in continuo divenire.

Prima fatto di testo e di immagini, il contenuto diventa ora interattivo e può collegarsi ad altri contenuti, altre risorse, offrendo al lettore la possibilità di approfondire concetti o, ad esempio, di arricchire la lettura con la visione di un video o con l’uso di un utile vocabolario integrato, sempre disponibile. Il contenuto, come le risorse ad esso collegate, può essere costantemente aggiornato, caratteristica molto utile soprattutto per guide tecniche o libri scolastici. Ogni volta che prenderete appunti o inserirete un segnalibro o una sottolineatura, virtuali s’intende, potrete ritrovare tutto ordinato in comodi indici.
E se durante la lettura vi venisse il desiderio di condividere una frase, una citazione o di consigliare il libro, potrete farlo in tempo reale sui social network.

La proposta di e-book è oggi vastissima e molte sono le librerie dove è possibile acquistarli o anche scegliere tra testi classici o nuove proposte da scaricare gratuitamente. Da TIMReading a UltimaBooks di Simplicissimus Book Farm, giovane società italiana che offre tra l’altro servizi per il self publishing e la distribuzione in altre librerie online, passando per Feltrinelli, Mondadori, IBS e tanti altri store, senza dimenticare, ovviamente, Amazon il cui fondatore, Jeff Bezos, è stato tra i primi a credere nelle potenzialità del commercio elettronico di libri.

A questo punto tocca a voi.
Non è necessario abbandonare la carta ma c’è un mondo nuovo che vi aspetta.
Ed è tutto da leggere.

Andrea Carini