Con So.cl Microsoft entra nei social network.

Mentre Mark Zuckerberg fa il colpo doppio con un matrimonio a sorpresa e con l’IPO di Facebook guadagnando per giorni la prima pagina di quotidiani, magazine, blog e telegiornali, Microsoft fa il suo ingresso nel mondo dei social network. Senza particolare clamore. Vediamo come sono andate le cose.

La scorsa estate era trapelata la notizia che Microsoft stava testando un prototipo di social network incentrato sulla social search e sulla condivisione di argomenti di interesse e bookmarks, indicato con il nome Tulalip; ma la pagina era stata oscurata in breve tempo con una breve nota dell’azienda:

“Socl.com is an internal design project from one of Microsoft’s research teams which was mistakenly published to the Web. We have no more information at this time.”


Poi alcuni blogger avevano avuto un accesso riservato e temporaneo e ne avevano descritto le funzionalità e il design, evidenziando  la centralità della social search, ovvero una ricerca per argomenti fortemente legata agli aggiornamenti del proprio status. In linea di massima, nelle intenzioni dell’azienda di Redmond e nelle prime analisi e valutazioni pubblicate in rete, So.cl non nasce con l’intenzione di imitare o diventare un grande social network ma con l’obiettivo di aiutare utenti, soprattutto giovani studenti, a condividere interessi, informazioni, notizie e bookmarks.

Ora So.cl è disponibile a tutti: vediamo insieme come funziona il servizio.

La prima schermata ci consente, curiosamente, di autenticarci con account Facebook oppure Windows Live. Dubito che l’ordine di apparizione dei pulsanti sia stato scelto con un criterio alfabetico.

Opto per un account di Windows Live che utilizzo per i miei test e, dopo aver inserito le mie credenziali, acconsento l’accesso che prevede l’utilizzo di email e la visibilità del servizio.

Come si legge in alcuni articoli, So.cl ha al momento un approccio alla privacy diverso da quello di Facebook, basato su una logica di opt in, una caratteristica che gli utenti più attenti alla privacy potrebbero trovare apprezzabile.

Microsoft also said it won’t automatically post users’ So.cl activity unless they opt in. Likewise, Facebook friends won’t be contacted unless users invite them.

Infatti dopo il primo consenso, un popup informa l’utente dei termini e delle condizioni d’uso del servizio, con particolare riferimento ai rapporti con gli utenti Facebook. Possiamo immaginare che il lavoro legale dietro a queste note sia stato scrupoloso e non immediato: un equilibrio tra la profittabilità del sign in con Facebook Connect e la necessità di segnare dei confini tra le due applicazioni.

So.cl is an experiment in open search. That means your searches on So.cl are viewable by other So.cl users and will also be available to third parties. So.cl does not automatically post your searches, comments, or likes to your Facebook stream unless you choose this option. Also, we don’t contact your Facebook friends unless you invite them.

A questo punto si può iniziare con la creazione del proprio profilo. Chi ha già faticosamente costruito e arricchito il proprio account Facebook, magari reduce da mesi di personalizzazione del template di MySpace (MySpace cosa?) o ancora disorientato dalle impostazioni di Google+, potrebbe trovare oneroso e scoraggiante dover iniziare da capo una nuova vita su So.cl; tuttavia, a vantaggio dell’utente, la realizzazione del profilo è facilitata da un wizard piuttosto ben fatto che propone automaticamente una serie di categorie di interesse da aggiungere e di power users da seguire; selezionando le proposte visualizzate si procede a popolare il proprio profilo, poi si può continuare personalizzando altre informazioni quali la privacy, la lingua e le notifiche; soprattutto, è possibile aggiungere altri argomenti di interesse.

Ecco dopo pochi click come si presenta il mio profilo So.cl nuovo di zecca: un menu delle funzionalità (tra cui Esplora e gli amici/follower) si trova nella barra di sinistra, la search in alto, al centro una preview delle categorie selezionate e di quelle proposte e sulla destra, mutuato (per non dire copiato) da Google+, la barra dei videoritrovi e degli inviti per far conoscere So.cl ai nostri contatti.

La sezione centrale si aggiorna automaticamente con i feed pubblici degli utenti e dei gruppi che sto seguendo. La buca di ricerca è probabilmente la funzionalità più interessante ed innovativa perché consente di inserire una o più keyword (ad esempio “cars”) e di ottenere sia una serie di suggerimenti e risultati che possono essere utilizzati per creare un nuovo post (i livelli di riservatezza offerti sono due: pubblico o privato) o aprire un nuovo videoritrovo. In altre parole, il sito si affida molto al tagging, consentendo agli utenti di identificare gli argomenti a cui sono interessati e di ricevere aggiornamenti sociali sulla base di questi interessi.

Se siete abituati a Facebook, la modalità di pubblicazione di post di So.cl può lasciare un po’ disorientati. Il focus dell’applicazione è la ricerca, basata su tecnologia e algoritmi Bing (da alcuni, come Wired, ritenuti anche più efficienti di Google, sebbene poco profittevoli dal punto di vista delle revenues), mentre alcune dinamiche relazionali sembrano ispirarsi più a Google+ che a Facebook.

Stranamente, è assente l’integrazione con due dei più noti servizi di Windows Live: la posta elettronica di Hotmail, accessibile comunque in single sign on, e il messenger. E nemmeno gli ultimi servizi della suite Live Essentials, come SkyDrive e le raccolte di foto, sono accessibili direttamente dall’applicazione So.cl.

Una differenza sostanziale con Facebook è la ricerca dei contatti: se FB li propone utilizzando informazioni fornite come città, indirizzo email, interessi, studi completati ecc., So.cl è maggiormente basato sugli argomenti di interesse comune tra persone; inoltre, avendo al momento un numero presumibilmente ridotto di utenti, tutte le prove di ricerche effettuate (da Mario Rossi ad Angelina Jolie) non hanno prodotto risultati. Occorre selezionare la sezione Esplora, scegliere una categoria e visualizzare gli utenti più attivi; a questo punto, proprio come con Twitter, si può scegliere di seguire (e quindi ricevere gli aggiornamenti) uno o più utenti.

Trarre delle conclusioni o tracciare previsioni su So.cl mi sembra prematuro, eppure qualche considerazione si può fare. Iniziamo dalle critiche.

La prima è che molti analisti continuano ad essere molto scettici sugli investimenti giganteschi che  Microsoft fa nei servizi online a fronte di ricavi molto deludenti; le perdite sono calcolate nell’ordine di 2 bln$ all’anno, non proprio bruscolini. La seconda è che, ancora una volta, Microsoft non sembra aver fatto centro sul fronte dell’integrazione dei propri servizi ed applicazioni, attività in cui Google ottiene invece risultati quasi sempre brillanti (ad onor del vero, l’integrazione di Google+ con servizi precedentemente erogati, quali Picasa e Docs, non è priva di incongruenze, ma sono peccati veniali).

Business Insider sai chart of the day

Veniamo invece agli aspetti positivi. Il template utilizzato è semplice, pulito e molto gradevole. Non sono il solo a dirlo, altri pareri positivi sono stati scritti sul web. Poi la gestione della riservatezza dei contenuti e della privacy, più cauta e meno aggressiva di Facebook. Last but not least, trovo innovativa e coraggiosa l’idea di realizzare un social network come aggregatore di argomenti di interesse condivisi.

Ma l’arena dei social network, per quanto So.cl non dichiari guerra a Facebook, è terreno per guerrieri impavidi che lottano per contendersi il tifo (e il CPM!) di un pubblico ormai esigente, globale ma con interessi e peculiarità locali molto forti, già disperso in un numero enorme di applicazioni e servizi gratuiti che, nati per semplificare la vita, a parere di alcuni tendono a renderla un po’ meno semplice ad ogni nuovo click. Il web non sta mai fermo, per definizione, e credo ci siano aspetti che Microsoft modificherà e migliorerà nelle prossime release. Se non altro per migliorare un po’ il trend degli investimenti nelle online operations e, conseguentemente, i ricavi da raccolta pubblicitaria. Stay tuned!

8 comments

  1. Ciao,

    vi segnalo che da stamattina sembra abbiano richiuso accesso pubblico e mandino nuovamente
    mail per accesso su invito

  2. con il mio account live continuo ad entrare, ma l’accesso è molto rallentato. è sempre presente il pulsante per inviare inviti agli amici.

  3. ho provato per una mezza giornata SO.CL. ed ecco le mie sensazioni. mi pare un tentativo disperato di ritagliarsi uno spazio nel social basato sul search, e considerato che il motore su cui si basa è Bing, sulla cui efficacia non ho una opinione positiva, non vedo come SO.CL possa avere fortuna. stonato anche il meccanismo del Riff, strumento alquanto bislacco di search e retwit. sono molto perplesso dal look, che trovo confuso e disordinato: non è facile capire dove sta che cosa e che cosa è che cosa (mi fa venire in mente la stessa difficoltà che ho quando ricerco funzioni su Win7), da questo punto di vista Pinterest mi pare molto più riuscito, specie se l’intento finale è quello di collezionare una serie di immagini “puntate” qua e là sul web

  4. @goriffaz. forse l’interfaccia non è delle più intuitive ed immediate, ed inoltre l’abitudine a facebook e una certa antipatia diffusa verso i servizi microsoft forse ci fanno partire un po’ prevenuti.
    ricordiamo però che il senso di smarrimento di fronte a google+ è stato abbastanza diffuso all’inizio, e tuttora riesce difficile trovare funzioni elementari (es: messaggi!) che utilizziamo frequentemente in facebook.
    credo che so.cl possa migliorare e diventare più intuitivo, e potenziare la gestione dei contatti (che forse non sono il focus primario dell’applicazione, ma è probabilmente quello che vuole il mercato, anche vista la diffusione degli utenti live/hotmail).
    @emanuela. ammetto di essere meno che casual gamer ma non riesco a figurarmi lo scenario dell’integrazione di so.cl in xbox: come potrebbe essere?

  5. @piersantelli devo dire che ho sottovalutato il valore di intrattenimento della funzione videoparty, di cui hai parlato nella tua recensione. il valore aggregativo della musica, aumentato dalla possibilità di sapere chi c’è ad ascoltarla e di commentarla in chat, così come di modificare la scaletta e proporre nuovi video in modo semplicissimo, e poi di mantenere aperto il videoparty in modalità ridotta mentre si continua a interagire con le altre funzionalità mi pare ben riuscito

Comments are closed.